Matrimonio civile o matrimonio simbolico?

Stai leggendo questo articolo perché sei alla ricerca di un celebrante per il tuo matrimonio laico o semplicemente perché la tua scelta è quella di sposarti in Comune.

Ti do il benvenuto, sono assunta Sorrentino, wedding celebrant, celebrante di matrimoni laico-umanisti e sono qui per darti tutte le risposte che ti servono.

Se hai qualche minuto libero continua pure la lettura, altrimenti scrivimi su WhatsApp  o su IG @la_celebrante_tidicosi e risponderò direttamente ai tuoi dubbi.

A te la scelta

Sappiamo bene che l’alternativa al matrimonio concordatario (matrimonio religioso), qui in Campania, è il cosiddetto matrimonio civile (considerato purtroppo, ancora, un matrimonio di serie B). Ma non temere perché ti aprirò le porte su un universo che è ancora poco conosciuto e che renderà il tuo matrimonio laico indimenticabile, emozionante, inclusivo ed autentico.

È fondamentale fare luce sull’elemento che definisce dove celebrare il matrimonio civile.

La location è o non è Casa Comunale?

Il matrimonio civile può essere celebrato pubblicamente, alla presenza di due testimoni maggiorenni, muniti di idoneo documento di identità in corso di validità. Esso può essere officiato oltre che nella Sala Matrimoni presso la Sede del Comune, anche nei luoghi che per queste occasioni assumono la denominazione di “Casa Comunale“. Senza entrare troppo nel tecnico, se la location che hai scelto è riconosciuta dal Comune essere Casa Comunale, allora il tuo matrimonio sarà a tutti gli effetti il matrimonio civile.

In caso contrario, se hai trovato la location dei tuoi sogni, ma non risulta avere il titolo di Casa Comunale, allora quello che verrà celebrato all’interno della struttura sarà il matrimonio simbolico.

Ciò, per gli sposi, comporterà un passaggio ulteriore, nei giorni precedenti alla data prescelta: insieme ai testimoni si recheranno in Comune per firmare l’Atto di Matrimonio. Niente di complicato. Anzi, in questi due anni di pandemia è stata la scelta migliore da mettere in atto. infatti, assicuratisi la parte burocratica, gli sposi erano liberi di modificare la data della cerimonia in base alle proprie esigenze, quelle dei fornitori e alle disposizioni dei decreti.

La cerimonia

Sciolto questo dubbio apriamo gli occhi su quella che sarà la cerimonia del rito di unione in matrimonio. Sia in un caso che nell’altro, sarà importante elaborare una cerimonia che contenga degli elementi ben definiti, affinché la vostra storia venga raccontata ai vostri ospiti. Col fine ultimo che voi possiate vivere il matrimonio dei vostri sogni.

Quindi se sei alla ricerca di un celebrante per il tuo matrimonio laico o semplicemente perché la tua scelta è quella di sposarti in Comune, scrivimi e potrò aiutarti.

Ma te ne parlerò ampliamente nel prossimo articolo.

Ti dirò: come viene celebrato un matrimonio civile; come viene officiato il rito civile; come viene celebrato un matrimonio simbolico;  chi può celebrare il matrimonio civile;  chi può celebrare un rito simbolico;  dove può essere celebrato il matrimonio simbolico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.