Come scegliere la Damigella d’Onore. Scopri se la tua “Maid of Honor” ha tutte le carte in regola.

La damigella d’onore non è un ruolo da prendere sottogamba. Deve conoscere tutto su di te (futura sposa), deve avere un talento per la gestione dei disastri, e il know-how per pianificare un paio di grandi feste. Insomma, per te deve essere la numero uno.

Pertanto, alla domanda “Vuoi essere la mia Damigella d’Onore?” risponderà “Si!” con gioia e ne sarà entusiasta; ciò alimenterà l’eccitazione per il tuo grande giorno.
La Damigella d’Onore è  una spalla forte su cui poter contare nelle fasi di crisi, l’anima del bridal shower, un riferimento per tutti. Deve, in primis, ascoltare la sposa e sostenerla. E, se necessario, richiamarla alla realtà quando si troverà davanti alla“difficile”scelta dei FONT per le partecipazioni.
Sarà una dei pochi eletti che potranno accompagnarla nella scelta dell’abito. Essendo una consigliera onesta, la sua opinione sarà apprezzata e avrà una certa influenza sulla decisione finale. La Damigella d’Onore dovrà anche gestire le altre damigelle (se presenti) e dare una mano nella scelta dei loro abiti. Sarà lei a gestire le finanze per un’ottimale organizzazione dell’addio al nubilato e a far si che tutte siano puntuali il giorno del matrimonio.
Provvederà a raccogliere tutte le informazioni necessarie dagli invitati (indirizzi, intolleranze, se hanno bisogno di mezzi di trasporto) e ti aiuterà nell’organizzazione dei tavoli. Ovviamente conviene organizzarsi da subito con una tabella di scadenze da rispettare, in modo che questo ruolo sia per lei un onore e non diventi un peso.

Cosa si può delegare alla Damigella d’Onore?

Come dicevo, le si può chiedere di occuparsi degli inviti, di sistemare i regali, di aiutare con la disposizione dei posti a sedere. Sarà lei ad organizzare un bridal shower  o un addio al nubilato che rispecchi i gusti della sposa.

Il suo compito più semplice?

A lei verrà consegnato il bouquet quando la sposa raggiungerà l’altare e quando i voti saranno stati pronunciati, provvederà a riconsegnarglielo. La Damigella d’Onore dovrà proporre un brindisi e spendere qualche parola per gli sposi: i migliori discorsi sono una combinazione di fascino, intelligenza, e sincerità, ma sono difficili da improvvisare. E’ consigliabile pianificarsi un discorso che duri non più di  uno o due minuti: pensate ad un aneddoto divertente sulla sposa, ma che non sia imbarazzante; dire qualche parola su ciò che rende speciale la vostra amicizia; infine, aggiungere qualcosa sullo sposo e augurargli ogni felicità.

Il suo compito più importante?

Concentrarsi sulla sposa …è la parola d’ordine!
Se nasce una discussione tra le damigelle perché l’abito scelto non rispecchia i gusti di tutte, la Damigella d’Onore deve saper intercedere per la sposa, fare da paciere e non stressarla con problemi inutili. Far capire loro che per la sposa sarà un giorno importante e loro dovranno indossare l’abito solo per dodici ore.
Tra i tanti ruoli da ricoprire, dovrà essere anche una brava paparazza. Con l’emozione di scegliere l’abito, la sposa può dimenticare di immortalare il momento. In seguito, le potrà mettere le foto in un piccolo album come regalo per il tuo addio al nubilato: sarà un pensiero speciale farti rivivere tutte le fasi emozionanti dei preparativi.

 

I Social Media: regole per matrimoni.

Piccola postilla da tener presente durante tutte le fasi dei preparativi. Non lasciate che l’entusiasmo prenda il sopravvento. Fate attenzione alle foto che postate. Alcuni dettagli del matrimonio non possono essere svelati prima del grande giorno. E se la sposa o gli sposi non sono  social addicts, bisogna evitare di coinvolgerli in qualcosa che non li aggrada. E’ il loro matrimonio, la loro festa va pianificata e organizzata rispettando la loro zona di comfort.

 

“Con questo articolo partecipo al concorso

#unblogalmese del mese di marzo 2019

indetto dal blog Trippando

Un commento su “Come scegliere la Damigella d’Onore. Scopri se la tua “Maid of Honor” ha tutte le carte in regola.

I commenti sono chiusi